mo-blk.gif (66113 byte)

Padre Ljubo incontra gli Italiani nel Nuovo Salone - 06/08/2005

Messaggio da Medjugorje del 25 agosto 2020

Entro fine mese anche nel giornalino Clicca qui per ascoltare il commento (MP3)


La veggente Marija Pavlovic Lunetti in diretta con P. Livio a Radio Maria per il messaggio del 25 del mese ...
 

"Cari figli! Questo è tempo di grazia. Sono con voi e vi invito di nuovo, figlioli, ritornate a Dio ed alla preghiera affinché la preghiera diventi gioia per voi. Figlioli non avrete né futuro né pace finché nella vostra vita comincerete a vivere la conversione personale ed il cambiamento nel bene. Il male cesserà e la pace regnerà nei vostri cuori e nel mondo. Perciò, figlioli, pregate, pregate, pregate. Sono con voi ed intercedo presso mio Figlio Gesù per ciascuno di voi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata."

P. Livio: Colpisce l’apertura di questo messaggio. A noi che siamo preoccupati e abbiamo tante paure, la Madonna dice: "Questo è tempo di grazia". Cosa vuol dire?

Marija: Noi, presi dal panico per il virus, non vediamo un futuro e la Madonna dice che è tempo di grazia, tempo di conversione. Ci dice: “Sono con voi e vi invito di nuovo a ritornare a Dio e alla preghiera affinché la preghiera diventi gioia per voi”. La Madonna legge nel nostro cuore. Lei conosce bene le nostre ansie e desidera invece che siamo nella gioia dell’essere con Dio, persone positive. Dove troviamo questa forza? In Dio, perché se abbiamo Dio, abbiamo tutto, abbiamo il bene nel nostro cuore e vediamo il bene nel prossimo... Una persona che mette Dio al primo posto ha deciso di convertirsi, di cambiare la vita nel bene. Dio è per noi il bene estremo.

Lui ci ha creato e con la sua morte ci ha ottenuto la vita eterna... Dobbiamo essere consapevoli che siamo figli di Dio e invitati alla gioia. Purtroppo questo tempo di pandemia ci sta togliendo la gioia di vivere, ma la Madonna desidera la gioia per noi e che diventiamo gioia per gli altri...

P. Livio: Questa volta ci dice "Sono con voi" all’inizio. Mi pare che la Madonna voglia dire che noi non sempre pensiamo a questa immensa grazia: che ogni giorno si apre il Cielo e la Regina scende sulla terra, ci porta il Cielo sulla terra, ci porta la sua pace e la sua parola. Non c’è la consapevolezza nella nostra generazione di questa grazia delle apparizioni quotidiane della Madonna da quaranta anni.

Marija: Sì, la bellezza è che stiamo vivendo un tempo di grazia anche se in un tempo di grande prova. Ricordo che quando la Madonna è apparsa c’era l’ideologia del comunismo. Oggi ci sono altre ideologie che vogliono inculcarci nella testa. Ma la Madonna ci dice di ritornare a Dio, ai suoi Comandamenti, di camminare in modo retto... Siamo stati scelti e chiamati a vivere bene... Il Cristiano è chiamato ad essere il bene e la gioia per gli altri. Se noi crediamo profondamente in Dio, vediamo il nostro futuro in modo positivo... Anche questa pandemia è un invito pur nelle difficoltà. L’oro si prova col fuoco. Così noi ora siamo nel fuoco delle difficoltà, ma nello stesso momento siamo invitati ad essere il bene. Questo con la preghiera. La Madonna dice: “Chi prega non ha paura del futuro”. L’ha detto tante volte, anche all’inizio di questo millennio (25/01/2001).

P. Livio: Da tanti mesi nel messaggio del 25 ci ripete di ritornare a Dio. Secondo te, con questa pandemia, la gente sta tornando a Dio o no? Risulta che da quando le chiese sono state riaperte, soltanto il 30% di chi le frequentava è tornato a pregare. A te sembra che ci sia un risveglio della fede o il contrario?

Marija: Dipende. A Medjugorje e dintorni le famiglie sono ritornate alla preghiera. Grazie a Dio sono nati tanti gruppi di preghiera che sono guida per le persone. C’è anche tanta confusione. Soprattutto con la scusa della paura, tanta gente non va più in chiesa. Ci stanno inculcando l’idea che noi siamo il male per gli altri, che portiamo il covid, come se la chiesa fosse luogo di trasmissione di covid... Come hanno cercato di fare da noi durante il comunismo: inculcare che la fede era cosa per i nostri nonni, non per noi. Anche oggi ci dicono che credere non è più moderno. Noi siamo più intelligenti, più evoluti, mentre la fede è una cosa superata. La Madonna ci chiama alla conversione personale, perché quando abbiamo avuto l’incontro personale con Dio non ci ferma niente, nessuna ideologia, nessuna pandemia. A questo ci chiama col messaggio: “Ritornate a Dio e cominciate a vivere una vita con la conversione personale, cambiando la vostra vita nel bene”. Se cominciamo a cambiare il male nel bene, il frutto sarà la gioia. Io sono cristiano e, grazie alla morte di Gesù sulla croce io non morirò mai. E’ questa la nostra fede! La nostra speranza! Sappiamo di tanti martiri che andavano alla morte cantando perché credevano... C’è questo male, il covid, ma ci sono anche tante ideologie che ci stanno distruggendo, che ci mettono paura. Per questo la Madonna ci ricorda che il nostro è tempo di grazia e ci chiede: “Ritornate a Dio e alla preghiera, affinché la preghiera diventi gioia per voi”. In questo messaggio non c’è niente di nuovo. La Madonna ha già detto queste parole: “Pregate, pregate, pregate!” Tante volte l’ha detto, ma quanto noi davvero crediamo a queste parole?

P. Livio: Mi colpisce che noi ci troviamo di fronte ad una situazione sociale e politica mondiale dove ci sentiamo impotenti a risolvere i problemi, incapaci, quasi schiacciati dalla gravità delle cose. Invece la Madonna ci dice che tutto si può cambiare cominciando dalla nostra personale conversione...

Marija: Esattamente. “Il male cesserà e la pace regnerà nei vostri cuori e nel mondo”. E’ questo che mi ha dato speranza questa sera. Tu prega, tu convertiti, tu cerca di cambiare la tua vita; poi “il male cesserà”... Come è possibile che una ragazza di 15 anni conviva con un uomo di 70 anni come marito e moglie? Non è normale! Sembra che sia tutto sotto sopra. C’è sfruttamento, tante cose negative. Non abbiamo notizie sicure, c’è tanta confusione. Un giovane che oggi vuole sapere la verità, non la trova... La Scrittura dice: “Maledetto l’uomo che confida nell’uomo” ...

P. Livio: Io trovo che attraverso i messaggi della Madonna noi riusciamo veramente a sapere com’è la situazione nel mondo. Parlo della situazione spirituale, morale, esistenziale. Purtroppo la Madonna ha detto: "satana regna e vuole distruggere le vostre vite e il pianeta sul quale camminate" (25/03/2020). Per questo ci ripete tre volte: pregate!

Marija: Quando la Madonna ripete “Pregate, pregate, pregate!”, vuole dirci: “Io conto su di voi”. La Madonna ci sta ripetendo il valore della preghiera. La preghiera non è una tecnica, non è yoga; la preghiera è il cuore l’incontro mio con Dio nella verità.... La Madonna ci ha detto: “Pregate e digiunate. Con la preghiera e il digiuno anche le guerre si possono allontanare”. L’abbiamo sperimentato nel tempo di guerra. Ricordo l’Arcivescovo Mons. Frane Franic che mi diceva: “Quando è cominciata la guerra, io ho cominciato a vivere i messaggi della Madonna”. Mi ha detto che la città di Spalato poteva bruciare perché era piena di munizioni. E’ successo che i suoi stessi nemici, i comunisti, hanno detto che non volevano usare tutte quelle armi contro le persone e sono andati una notte da lui a dire: “Aiutaci!” Lui ha detto di buttare tutto nel mare e così non morirà nessuno. Così hanno fatto e la città di Spalato è stata risparmiata. L’Arcivescovo ha aggiunto: “Noi però abbiamo pregato e digiunato perché Dio proteggesse la città di Spalato”. Non c’è stato neanche un morto! ... Il Signore opera nella nostra vita... La Madonna ci ha detto che siamo tutti chiamati sul cammino della santità, ma nel frattempo siamo in una valle di lacrime. Dobbiamo soffrire, penare, rinunciare anche se siamo nel giusto; tante volte dobbiamo tacere anche se abbiamo voglia di gridare... Una volta ho avuto una forte discussione col primario di un importante ospedale che era abortista e doveva far abortire una ragazza. Gli ho detto che ogni bambino è un dono e che, se darà alla luce il bambino che non vuole, potrà essere dato ad una delle tante coppie che non hanno potuto avere figli e li farà felici...

P. Livio: La Madonna ci dice che noi possiamo fermare il male nel mondo col nostro bene, con la nostra fede e la nostra conversione. Che decisioni concrete ci suggerisci di prendere per mettere in pratica il messaggio in questo mese?

Marija: La Madonna ci ha detto di cominciare con la nostra personale conversione: “Ritornate a Dio, ritornate alla preghiera, ai Sacramenti”. Ci ha chiesto il digiuno, soprattutto il digiuno dal peccato, la rinuncia a tutte le opere maligne. Ha raccomandato il sacramento della confessione per la pace con Dio e la Santa Messa come culmine... Cioè i 5 sassi contro Golia, come ripeteva Padre Jozo parlando ai pellegrini. Noi sappiamo cosa dobbiamo fare. Senza Dio non abbiamo futuro e neanche la vita eterna ... La cosa più importante: nell’umiltà riconoscerci peccatori e bisognosi dell’aiuto di Dio. Che Dio ci liberi dalle tante pandemie, confusioni, maldicenze, falsità... Il Signore ci invita a vincere il male e combattere con la preghiera, col cuore e con la gioia nel cuore. Il Signore vincerà. La Madonnai ci ha detto: “Questo è tempo di grazia. Io sono con voi”. Anche se questo tempo è difficile, Lei ci porta da suo Figlio Gesù che è morto per salvarci. Questo è il messaggio più importante: il Signore è la nostra speranza nonostante tutte le difficoltà ...

<<< >>>

Marija e Padre Livio hanno quindi pregato il “Magnificat” ed il Gloria

... e Padre Livio ha concluso con la benedizione.

Marija e P. Livio