mo-blk.gif (66113 byte) med-n01.gif (31221 byte)


Una preghiera ed un ringraziamento al nostro Don Pino, che è tornato alla casa del Padre mercoledì 11 giugno 2014.
Novate non ti dimenticherà mai, tu dal cielo ricordati sempre di noi - grazie.
 

Tantissimi, fedeli e non, provenienti non solo dalla Valsassina, hanno voluto affollare la parrocchiale di Cremeno
per salutare e per testimoniare l'affetto a don Pino Tagliaferri sacerdote nativo di Pagnona.

Una luce abbagliante che penetrava nell'antica chiesa di Cremeno ha fatto da splendida cornice all'ultimo saluto a don Pino Tagliaferri, "Sacerdote da 50 anni, da quando ne aveva 24..." come molti presenti hanno voluto testimoniare. Infatti fra un paio di settimane, il 27 giugno, avrebbe festeggiato i 50 anni di ordinazione sacerdotale. Un sacerdote che in un anno aveva saputo farsi amare in Altopiano non solo nella "sua parrocchia" della quale non era parroco bensì "residente" ma anche a Barzio, Moggio, Cassina e Maggio. E tutta la Valsassina lo aveva apprezzato per la sua schiettezza con le Lectio al Vangelo settimanale sul nostro giornale. C'erano proprio tutti nella chiesa di san Giorgio raccolti attorno al vicario episcopale monsignor Luigi Stucchi, al parroco don Lucio Galbiati, al decano don Mauro Malighetti, al vicario della Zona Pastorale III monsignor Maurizio Rolla e a tutti i sacerdoti della "leva" di don Tagliaferri di cui ben quattro sono diventati vescovi. Presenti anche i parrocchiani di Novate Milanese e da Biumo Inferiore dove aveva saputo farsi amare e rispettare tra mille difficoltà e grandi trasformazioni sociali. A rendere omaggio a quella bara di semplice legno con sopra la cotta e la stola e il Vangelo aperto che don Pino ha sempre, fino all'ultimo testimoniato alla ricerca di "Veri uomini e veri cristiani..." comprendendo fino in fondo lo smarrimento di una società che rifiuta il messaggio di Cristo e i valori con al centro l'uomo che questo annuncio porta, anche le autorità politiche che ne hanno rilevato l'elevato valore morale e spirituale di un uomo semplice, capace di trasmettere amicizia e comprensione. Don Pino ha lasciato un testamento spirituale che verrà reso pubblico ai fedeli in cui testimonia, ancora una volta, la sua gioia di essere Sacerdote (con la S maiuscola) e ringrazia il Signore di "Essersi fidato di lui per testimoniare il Vangelo...". - Le spoglie verranno tumulate nel cimitero di Pagnona.